Pier Paolo Baretta Sindaco

C’è un altro modo. #Insieme

La mia storia

Venezia è la mia città

Venezia è la mia città

Venezia è la mia città

Le origini

A Venezia e al suo territorio mi unisce un legame forte, fatto di storia e vita familiare, amicizie, condivisione di problemi economici e sociali.
Sono nato e cresciuto a Cannaregio, ho studiato al Paolo Sarpi, dove mi sono diplomato ragioniere nel 1969, e ho partecipato fin da giovane alla vita associativa della città.

Tra i giovani di Azione cattolica, ho fatto parte della presidenza diocesana. Sono stati anni di grande vivacità: è stata mia l’idea di dar vita al primo giornale studentesco della città, che fu effettivamente pubblicato e ricevette anche il primo premio nazionale per la stampa studentesca.

L'attività sindacale

Sono entrato nel mondo del lavoro subito dopo il diploma di ragioniere, in una industria metalmeccanica, la “LLL. Lavorazione Leghe Leggere” di Porto Marghera e nel frattempo mi sono iscritto come studente-lavoratore alla facoltà di sociologia di Trento. Poco dopo, nel 1971, è iniziata anche la mia esperienza sindacale nella Fim Cisl, come delegato degli impiegati nel Consiglio di fabbrica. Il mio impegno a tempo pieno nel sindacato arriva quando, in occasione dell’introduzione dell’inquadramento unico tra operai e impiegati, mi è stata assegnata la responsabilità del coordinamento per le tre Venezie.

Per oltre trent’anni mi sono occupato di lavoro e di impresa, nel sindacato dei metalmeccanici a Venezia, nel Veneto e a livello nazionale, fino alla segreteria confederale della Cisl, di cui sono diventato segretario generale aggiunto nell’aprile del 2006.

L'impegno politico

Nel marzo 2008 ho accettato la candidatura alle elezioni politiche nel Collegio Veneto 2 e, conseguentemente, mi sono dimesso da tutti gli incarichi sindacali.

Ho rappresentato Venezia in Parlamento per due legislature e sia da deputato che da sottosegretario all’Economia, ruolo che tuttora ricopro, ho lavorato a diversi provvedimenti per la città e in particolare ai finanziamenti previsti dalla legge speciale.

Ora mi candido a sindaco per il Comune di Venezia. Perché?

Perché dopo anni in cui mi sono adoperato per rappresentare e portare le istanze di questo territorio in Parlamento, credo sia giunto il momento di fare un passo in più per la mia città, di mettermi a disposizione per restituirle anche solo un po’ di quello che mi ha dato. E perché è solo #insieme che possiamo ridare un futuro a Venezia.

Le mie idee per Venezia

C’è un altro modo

Icon

VENEZIA DELL’AMBIENTE, DELLA LAGUNA E DELLA VITA SOSTENIBILE

Venezia e il suo territorio ha tutte le condizioni per essere un’area pienamente sostenibile. La laguna è il baricentro di un complesso ambiente di terra e di mare. A Venezia non esiste sviluppo indipendente dal futuro della sua «piazza» lagunare. La sostenibilità e gli obiettivi dell’Agenda 2030 devono diventare parametro per tutti i progetti comunali.
Icon

VENEZIA DELLA CULTURA, DELL’INNOVAZIONE E DELLA CONOSCENZA

La cultura è la grande opportunità di crescita e rilancio sia per la città d’acqua che per la città di terra. Ma è necessaria una svolta, che metta cultura e conoscenza al centro dell’idea che Venezia ha di se stessa e del proprio futuro.
Icon

VENEZIA DELLO SVILUPPO, DEL LAVORO E DEL TURISMO

Venezia deve recuperare un modello di sviluppo multidimensionale: un turismo qualificato e sostenibile, un efficiente polo logistico intermodale, una produzione artigiana di qualità, una riqualificazione industriale verde a Porto Marghera.
Icon

VENEZIA DEI CITTADINI, DEL BENESSERE, DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE, DELLE FAMIGLIE E DELLE GENERAZIONI

Venezia va restituita ai suoi abitanti.Ciò significa ripensare alla residenzialità e alla pianificazione urbana. "Prossimità" deve essere la parola d'ordine per i servizi di mobilità pubblica e privata; per il commercio di vicinato, per i servizi sanitari ed educativi, per le attività del tempo libero. Una città viva è una città connessa e una città connessa è una città sicura, che garantisce i diritti e i doveri di tutti coloro che la vivono.

Unisciti a noi

Se ti piace il mio progetto per Venezia e hai voglia di partecipare al cambiamento, sappi che il tuo contributo è prezioso. Basta un po’ del tuo tempo, anche solo pochi minuti al giorno e anche da remoto, qualunque siano le tue competenze.

Scrivici a comitato@barettasindaco.it

Dona ora

La nostra è una campagna elettorale fatta tra la gente, cha ha bisogno di sostegno per realizzare le attività delle prossime settimane. Ogni contributo libero è davvero importante. Dona ora e sostieni la campagna elettorale di Pier Paolo Baretta per Venezia.

Iscriviti alla newsletter

Share to Facebook Facebook Share to Twitter Twitter Share to Pinterest